Le terme di Bad Bleiberg

 

Bad Bleiberg con le sue cure termali e aeroterapiche è il luogo migliore per seguire questa massima di Alfred Delp.  Situato nella valle più meridionale delle Alpi austriache, a 920 metri di altezza, questo luogo idilliaco è al centro di tre culture, circondato da un paesaggio di varietà impareggiabile.  
D’estate lo sfondo montano dell’ Erzberg e del Dobratsch (2166 m.) sono il punto di partenza ideale per lunghe escursioni, romantiche camminate e giri in bicicletta per gli animi sportivi.

 


Con lo sci di fondo, le corse con le slitte trainate da cavalli oppurele escursioni con le racchette da neve vivrete una bianca favolainvernale. E poi c’è il parco naturale del Dobratsch, il paradiso delle escursioni in uno scenario paesaggistico intatto.

E il Dreiländereck, laddove si incontrano Italia, Slovenia e Carinzia, è ad appena 30 minuti di distanza e con la sua ineguagliabile varietà culturale e culinaria invita a vivere momenti indimenticabili in nuovi mondi.

 

Bad Bleiberg

 

Il popolamento della vallata, lunga all'incirca 6 km, è avvenuto di pari passo con lo sviluppo dei centri minerari. Non è dato sapere quando esattamente abbia avuto inizio l'attività mineraria. Sta di fatto, comunque, che nel 1267 la Heinrichskapelle, ovvero la cappella di S. Enrico a Kreuth risultava già agli atti, ed è dimostrato anche che le cave più antiche sono sorte proprio in questa zona della valle. La prima citazione della località di Bleiberg risulta da una copia di un documento, il cui originale è andato perduto. Stando a questo atto, nel 1333 un certo Heinrich Putigler aveva ottenuto, per il suo assiduo e fidato servizio alle dipendenze del vescovo Werneth, un feudo presso Pleyperg pey Villach, l'attuale Bleiberg, per l'appunto.

Ove inizialmente si trovavano solo alcune case abitate periodicamente, un po' alla volta cominciò a svilupparsi un villaggio. Il popolamento potrebbe essere avvenuto a singole spinte. La vita nella valle risulta documentata in modo continuativo solo a partire dal XVI secolo, grazie ai verbali delle miniere. Inizialmente i minatori venivano pagati in natura, ma nel nuovo ordinamento minerario del 1550 già si parlava di una retribuzione in denaro contante. Le fiere, a cui partecipava la borghesia di Villach, diedero un forte impulso al commercio. I contadini erano tenuti a cedere al vescovo la decima parte dei loro prodotti.

A metà del XVIII secolo la previdenza sociale dei minatori era decisamente precaria. Non c'erano ospedali, né ospizi per poveri, né orfanotrofi. Con un apposito ordinamento, chiamato "Bruderladenverordnung", l'imperatrice Maria Teresa cercò di alleviare le difficoltà che affliggevano quella gente. Nel 1759 Bleiberg, assieme a tutti i possedimenti in Carinzia, passò a far parte del patrimonio dello stato austriaco. Verso la fine del XVIII secolo gli abitanti di Bleiberg avevano ormai raggiunto quota 4000, mentre la popolazione di Villach non superava, allora, le 2500 anime.

La situazione economica dei contadini e dei minatori era molto varia e spaziava tra la ricchezza e la miseria. Nonostante il terreno poco fertile e le condizioni di lavoro difficoltose, gli agricoltori di fondovalle contribuivano in misura considerevole all' approvvigionamento dei minatori con alimenti di base. In genere la carne, che era scarsa, compariva sulle tavole solo a pasqua e il giorno del santo patrono. Nella valle si stabilirono diversi commercianti, correndo però non pochi rischi, visti i periodi di povertà. I più fortunati erano quelli che riuscivano a sopperire alle difficoltà del commercio gestendo un'osteria o una fattoria. Nel 1859, dopo la fine del dominio feudale, Bleiberg divenne libero comune. Nel 1866 i minatori della vallata costituirono una cooperativa di consumo allo scopo di reperire, a prezzi più abbordabili, i beni di prima necessità. Dopo che nell'arco dei vari secoli si erano susseguiti diversi piccoli incidenti dovuti a smottamenti, il 25 febbraio del 1879 si verificò una catastrofe costata la vita a 39 persone.Il 1893 fu nuovamente un anno tragico per la comunità di Bleiberg.

L'imprudenza di un bambino causò un incendio che devastò 35 case d'abitazione e 13 fabbricati rurali. La sera del 9 marzo del 1951 un'enorme quantità d'acqua penetrò all'interno della miniera "Rudolf", segnando il futuro dell'intera vallata: è da qui, infatti, che le terme, dal 1972 a questa parte, prelevano l'acqua curativa. Fino a quella data l'acqua era riservata ai dipendenti della miniera e ai loro familiari. Dopo la chiusura della miniera, avvenuta nel 1993, il comune dovette trovare un nuovo orientamento.

Scelse la strada della salute, dell'avventura e del turismo, facendo via via grandi progressi. Oggi "Terra Mystica", "Terra Medica" e "Kristallbad" sono termini ben noti che continuano ad attirare numerosi ospiti verso questa alta valle termale.

La Galleria climatica 

In Carinzia la via verso una respirazione sana e la lotta allo stress passa per il sottosuolo antroterapico. Da decenni l’effetto curativo naturale, riconosciuto a livello statale, della galleria climatica “Friedrich” a Bad Bleiberg viene usato a scopi terapeutici. La “cura d’aria in galleria” ha un effetto benefico in casi di asma bronchiale, bronchite cronica, allergie e infiammazioni di naso, laringe e seno paranasale.
 


Con un’umidità atmosferica che arriva fino a 100% e una temperaturacostante di 8 gradi, l’aria della galleria mette in moto il drenaggiodei liquidi dai tessuti e favorisce il processo di guarigione.

Inoltre, la galleria climatica si è dimostrata un metodo efficace in casi di sintomi da stress e stati di esaurimento e nella cura della sindrome da burn-out.

Un’esperienza benefica che vi regalerà un rilassamento profondo.

 

Escursioni

 

Bastano 30 minuti per arrivare a Tarvisio, la prima città in territorio italiano, un luogo idilliaco per dedicarsi allo shopping, bere un cappuccino e fare una passeggiata. In un’ora e mezza raggiungete San Daniele, la patria del celebre prosciutto crudo, città animata e ricca di offerte culinarie.


Altrettanto affascinante è una gita in Slovenia.

Vi basta un’ora per arrivare a Bled (Slovenia): sulle rive del magnifico lago potrete liberarvi la mente da qualunque pensiero, visitare la maestosa fortezza e raccogliervi al cospetto della chiesa dell’Assunzione della Vergine, con la sua “campana dei desideri”, sita sull’isoletta in mezzo al lago. Ma Bled non si regala soltanto piaceri dello spirito, ma offre anche ilmeglio per il benessere fisico: la città, infatti, è rinomata per lesue millefoglie.
E dato che sovente il cammino è la meta, già lungo le strade sarete tentati da trattorie caratteristiche con la loro cucina tradizionale e le loro irresistibili ghiottonerie.


 


Newsletter
Iscriviti Cancellati
per offerte e last minute sugli hotel termali austriaci
 
 
Falkensteiner Hotels & Residences | Bressanone (BZ) | info@austriaterme.com
 
CHI SIAMO  

Austria Terme fa parte del gruppo Falkensteiner, si occupa di tutte le prenotazioni e servizi per la clientela italiana. Non viene applicata nessuna quota di iscrizione

   
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cari ospiti,
in queste pagine potrete scoprire i meravigliosi hotels termali in Austria. Questa è una sezione che presenta gli hotel termali in Austria. Abbiamo pensato di dedicare un intero sito alle terme austria in quanto crediamo nella offerta termale dell' Austria. Bad Kleinkirchheim Bad Bleiberg vicino a Villach Bad  Leonfelden e Bad Waltersdorf sono presenti i nostri hotel termali.

 

Nel 2008 potrete visitare anche i nostri nuovi hotel terme in Austria. A Bad Waltersdorf sorgerà un hotel terme austria come anche a Leoben o Leonfeld. Austria Terme oppure terme in Austria sarà il nostro slogan per questi hotel termali in Austria. Cure termali soggiorno termale in Austria. Hotel 4 stelle terme austria

  • Nuovo hotel termale in Austria a Bad Bleiberg il Bleibergerhof hotel con acqua termale. Aperto dall estate 2007 offre piscine con acqua termale. Le vostre vacanze termali in Austria Terme per le vostre terme in Carinzia

 

 


La Carinzia in Austria grazie al suo clima è la regione più visitata dell’ Austria ed è conosciuta in Italia per il suo bel clima caldo e temperato d’estate. La Carinzia per il popolo italiano è sinonimo di terme, di laghi e d’inverno di sci. Si trova nella parte meridionale dell’ Austria e confina con l’ Italia. L’ingresso per eccellenza è tramite l’autostrada che da Tarvisio porta a Villach (Villaco). La Carinzia in Austria conta ben 1270 laghi tra cui il Worther see e Millstattersee.  Hotel con centro benessere e terme austria offerte weekend terme


Molto diffuse in Carinzia e in Austria sono le escursioni in barca, la pesca, lo sport di sci d’acqua. Hotel benessere in Carinzia e centri benessere in Austria. Qui in Carinzia si trovano i migliori hotel benessere dell’ Austria per dei week end terme

 

 

 

 CARINZIA HOTEL AUSTRIA CARINZIA STIRIA HOTEL

TERME AUSTRIA HOTEL

 

 

Visita gli altri nostri siti. Se desideri trascorre una vacanza in montagana in un centro  benessere in Carinzia in Austria o negli hotel benessere dell' alto adige. Se invece vuoi una vacanza al mare non hai che da scegliere: i villaggi in Croazia oppure i villaggi in Spagna. Altre nostre destinazioni sono le pousade in Brasile, la Libia e gli hotel in centro storico a Vienna e a Praga

Per finire ti proponiamo un altro sito dove potrai trovare le tue vacanze benessere in Europa

 

L'Austria in cifre

L'Austria è uno stato federale composto di nove Länder o Regioni: Burgenland, Carinzia, Alta Austria, Bassa Austria, Salisburghese, Stiria, Tirolo, Vorarlberg e Vienna. Circa il 98% della popolazione austriaca è di lingua tedesca e sei sono le etnie riconosciute. Il Burgenland è la patria di croati e ungheresi, molti dei quali si sono trasferiti a Vienna. Gli insediamenti sloveni si trovano nella Carinzia meridionale, nelle valli di Gailtal, Rosental e Jauntal e in alcune località della Stiria meridionale. A Vienna e in Austria Inferiore (più precisamnte nella zona di Marchfeld e Tullnerfeld) vivono i cechi e gli slovacchi. I Roma e i Sinti, etnie ufficialmente riconosciute nel 1993, vivono per lo più in insediamenti nel Burgenland meridionale, ma anche a Vienna.
Il 78% degli austriaci è di confessione cattolica romana. Il 5% della popolazione è protestante (prevalentemente di confessione angustana) il 4,5% professa un'altra religione, il 9% è aconfessionale e il 3,5% non ha fornito indicazioni (dati censimento del 1991).   

  

  

 


  

Il clima dell' Austria

Caratteristico dell'Austria è il clima di transizione dell'Europa centrale influenzato dall'Atlantico.  L'escursione termica fra il giorno e la notte e fra l'estate e l'inverno è inferiore nell'Austria occidentale rispetto alle regioni orientali del Paese. Ovunque sono abbondanti le precipitazioni atmosferiche, che quantitativamente decrescono in misura costante man mano che ci sposta verso Est. In Austria si distinguono tre diverse zone climatiche:

le regioni orientali sono caratterizzate dal clima continentale pannonico (la media di luglio supera di solito i 19°C; le precipitazioni annue sono spesso inferiori agli 800 mm ),

le regioni interne montagnose sono influenzate dal clima alpino (precipitazioni abbondanti, brevi estati e lunghi inverni),

 mentre le aree restanti del territorio presentano il clima di transizione caratteristico dell'Europa centrale: umido e temperato (la media di luglio è fra i 14 e i 19°C; le precipitazioni annue vanno da 700 a 2000 mm a seconda della latitudine), dell'esposizione e dell'altitudine.  

 

© 2006 SO.I.PAT